contatti : pierluigi18faber@libero.it

indice generale : http://www.carnesecchi.eu/indice.htm

Documenti sulle origini degli

Adimari o filii adimari

del XIII secolo

 

 

Da "Documenti dell'antica costituzione del Comune di Firenze" Pietro Santini 1895

 

1176 pg 15 Bernardi filii Adimari

1197 pg 39 Gerardus Adimarii

1197 pg 38 Uberto Bernardi

1201 pg 65 Cancellario (?)

1202 pg XLVI e pg 370 Ubertus Bernardi

1202 pg XLVI Ildebrandinus Adimari

1202 pg XLVI e pg 370 Albertinus Alamanni (?)

1203 pg XLVII Renerius Adimari , Ildebrandinus Adimari iudex

1203 pg 131-132 Bellincionis Uberti , Alamanni Gerardi Adimari , Adimari Ianni Bernardi , Ildebrandinus Adimari iudex , Cacellieri (?)

1203 pg 127 Aldebrandinus Adimari domini imperatoris Henrici iudex et notarius

1204 pg 144 Gianni Bernardi

1210 pg L e pg 374 Aldobrandus Adimari Aldobrandi Adimari

1212 pg 175 Ildebrando Adimari .......ordinariis iudicibus

1216 pg 181-182 Cancellieri ,Ildebrandus Adimari , Adimari

1234 pg 258 Rugerio Ianni Bernardi , Bruno Rainerii (?)

1237 pg 445 Girardus Ildebramdi Adimaris potestas Sancti Geminiani

1237 pg 438 Gerardus Ildibramdi Adimaris dei gratia Sancti Geminiani potestas

1240 pg 277 Bonacorsum filium Bellincionis ,Ildibrandinum Uberti , Ubertum f. Lotterii

1240 pg LXV Iacobus Nasi

1240 pg 273 domino Pepo Alamanni

1242 pg LXVII Fantinus Cancellieri consul in curia sextus S. Paancratii

1244 pg 307 Aldobrandinus Bellincionis

 

Nei documenti del Santini ( Documenti dell'antica costituzione del Comune di Firenze editore Vieusseux 1895 ) appare uno squarcio della generazione dei primi anni del 1200

 

Nell'atto ( XLVII )del 4 giugno 1203 Ogerio ,Potesta' di Poggibonsi ed i suoi consiglieri ,arbitri nella lite vertente fra i Comuni di Siena e Firenze a causa di limitazioni confini decidono in merito

Nell'atto (XLVIII ) del 4,7,8 giugno 1203 Il Comune ed il Vescovo di Siena cedono al Comune di Firenze cio' che a questo perviene per il precedente lodo

Tra i signa manuum :

Bellincionis Uberti ,

Allamanni Gerardi Adimari ,

Adimari Ianni Bernardi ,

Cacellieri (?)

Ildebrandinus Adimari iudex ( Ego Ildebrandinus Adimari Henrici Imperatoris iudex ordinarius , suprascriptis omnibus interfui ideoque subscripsi )

 

Alamanno figura come figlio di un Gerardo Adimari (e' difficile pensare ad una precoce cognomizzazione in quell'Adimari in una serie di nomi come questa )

Quindi Gerardo e' figlio di un Adimaro

 

Questo Gerardo di Adimaro figura in altri due documenti

Anno 1197

GIURAMENTO ( Lega Toscana )

Documenti, 1197 novembre 13 e 15 , XXII, pagina 39

Ugicio condam Alboniti ,Ysacus condam Sinelli , Gualterotus Bovili ,Brodario condam Sachiti , Pandolfinus et Gianni fratres ff. Amodei , Otavante f. Gualduci , Clarissimus condam Guidi Sassi, Iacobus f. Ramone , Grimaldus condam Alioti , Latinus condam Latinierii , Ugo Vinciguerre , Gianni Trufeti , iacobus Petricioli , Odericus iudex Bellondi , Gianazus condam Nasi , Sfalcatus condam Aiguillantis , Gianni Galitii , Gerardus Adimarii , Albertinus condam Alamanni , Astancollus condam Burelli , Ogerius de Pulcinellis , Bellincione condam Malpilli , Struffaldus eius filius ,Orlandus Clavaioli , Rosius f. Rosii , Marsopus f. Bulli , Soldus condam Boncambii , Iacobus Mazagalli , Boninsigna Cafagini ,Melliorellus Prati , ejectus condam Sete , Veckitus condam Guidaloti , Capiardus , Rainerius condam Paczi , Bonozius condam Bonizi , Arringerius de Caraia , Brunus judex condam Trufi , Guarente condam Bertoldi , Spavaldus Squarciasachi , Tiniosus Lamberti , Tolosanus condam Bernardini , Tedaldus de Cantore , Iohannes de Filipola , Alderotus Petri Peze , Rainerius Berboloti , Gerardus condam Cipriani ,Arrigus f. Conpagni , Romanucius condam Galgani , Ugolinus Nerli , Isimbardus , Brunitus et Boninsigna fratres condam Mori , Bonfantinus condam Spade , Albertus iudex de Cersine , Iohannes condam Guarnerii , Angiolinus Malii , Spinellus iudex condam Spinelli , Rusticus iudex Bonianelli , Pelavillanus , Kermonese de Capidollo , Renucinus f. Buldronis , Consilius condam Boninsignie , Falconerius Passarini , Calcagnus condam Greccii , Bailitus de Ultrarno , Iacobus Tornaquincie , Benedictus iudex , Iulianus de Ultrarno , Albertus iudex condam Otaviani , Ravignanus f. Pere , Engelescus f. Angiollelli , Conoscente condam Mariscoti , Varius , Guido Zoculi , Biancus de Monte Sangeorgii , Ugo Brunelli , Iacobus condam Iordanis , Bernardinus Iordanelli , Spronellus , Iubellus , Guido Beroardi , Legerius iudex notarius , Rainerius Riccii , Ormannus Manentis , Mainitus Butrigelli , Brunitus Rodolfini , Bilicozus , Guido Naso , Forteguerra , Mercatante f. Tedaldi , Giandone f. Pieri Russi , Bonus condam Arigeti , Ugicione Marignolle , Bonacursius f. Perini , Mazus condam Melliorelli , Bonfantinus , Benincasa Bignalle , Aldebrandinus Capiardi , Beringerius f. Iacop Rossi , Riccius f. Orlandini , Galganus Balsami , Bernardinus Bacialeri , Acursus et Rugerius , Amigitus f. Benincase , Benintendi de Cieca , Guido Candacie , Donzus condam Bonsignoris , Cainellus , Luterius de Ciaia , Maximianus f. Rube , Avocatus de Bontis , Rafaldus f. Petrini , Bonacursus f. Ruberti , Prior condam Renbaldi , Bonaiutus de Baldaca , Altocilius f. Aldebrandini , Bacalare , Bernelotus , Otavianus f. Pieri , Pela f. Bacarelli , Corbizus f. Davizini et Guarente f. Belusci , Bonamicus Paganelli , Belcarus condam Orlanduci , Ingilmerius , Veclus de Sancto Martino , Angiolotus condam Fantis , Benincasa Morandi , Agradus f. Formice , Asciuole , Altafronte condam Iosep , Bernardus f. Guiduci , Baldolus condam Boiamontis .

I consiglieri riconosciuti dal dr Faini nella sua tesi sono:

Uguccione del fu Albonetto Albonetti, Brodario del fu Sacchetto Sacchetti, Pandolfino e Gianni di Amedeo Amidei, Latino del fu Latinerio Galigai, Ugo di Vinciguerra Vinciguerri, Gianni di Truffetto Fifanti, Gerardo di Adimaro Adimari, Albertino del fu Alamanno Porcelli, Bellincione e Struffaldo di Malpiglio Malpigli, Migliorello di Prato Migliorelli, Vecchietto di Guidalotto Vecchietti, Bruno giudice del fu Truffo, Spavaldo di Squarciasacco Squarciasacchi, Tignoso di Lamberto Lamberti, Tedaldo del Cantore Tedaldini, Gianni della Filippola della Filippa, Gerardo del fu Cipriano Cipriani, Arrigo di Compagno Arrigucci, Ugolino di Nerlo Nerli, Gianni del fu Guarnerio Giandonati, Iacopo di Tornaquincio Tornaquinci, Leggerio giudice e notaio Giugni del Zampa, Forteguerra Giandonati, Berlingario di Iacopo di Rosso Rossi - Iacoppi, Angelotto del fu Fante Fifanti.

I termini dell’accordo in Storia, I, p. 939.

anno 1201

GIURAMENTO ( Pace con Siena )

V. Caleffo Vecchio, 1201 aprile 28, n. 55.

Gli individui riconosciuti dal dr Faini nella sua tesi sono:

Iannis Truffetti Fifanti, Beringerius Iacob Rossi - Iacoppi, Ristorus Infangati, Pandolfinus Amidei, Oderrigus Renaldi Amidei, Guido Advocati Avogadi, Preiteguido Fifanti, Brunus Uberti Uberti, Rainerius Uberti Uberti, Iannis Soldanerii Soldanieri, Venceguerra Donati Donati, Dietaiuti Donati Donati, Thedaldus Cantoris Tedaldini, Iannis Bellus Tedaldini, Ubertus Vianensis della Tosa, Latinus Galigarii Galigai, Lutterius Zampe Giugni, Gerardus Aldimarii Adimari, Mannus Albonetti Albonetti, Leone Iannis Guittonis Caponsacchi, Meliorellus Catelani della Tosa, Sitius Sizi, Aliottus Vicedominus Visdomini, Compagnus Arrigucci Soveriis Arrigucci, Brunus iudex, Claritus Pillii Pigli, Mainettus Forensis da Campi, Strocza Strozzi, Meliorellus Prati Migliorelli, Acerbus Falseronis Acerbi, Ildibrandinus nepos Baruccii Barucci, Iannis Fans Fifanti, Attavianus Guidi Russi della Tosa?, Biecus de filiis Fantis Fifanti, Rainerius Bellle della Bella, Gerardus Cipriani Cipriani, Gerardus Caponsacchi Caponsacchi, Aldimari Iannis Leti Cavalcanti, Gerardus Russus de Vicedominis Visdomini, Albertinus Alamanni Porcelli, Burnellinus Burnetti Brunelleschi, Davizus vicedominus della Tosa, comes Arrigus, Iacobus Tornaquinci Tornaquinci, Malpillius Bellincionis Malpilli Malpigli, Iannis Donati Giandonati, Renaldus Abbatis Abati, Iannis Bellisore Donati, Francescus Chiermontesi Chiermontesi, Ranerius Aldimaris Adimari, Ildibrandinus Iannis Ioci Giochi, Importunus Pillii Pigli, Gerardinus Olivieri Vicedomini Visdomini, Simonettus Iannis Vocis de Vicedominis Visdomini, Ubertus Baruccii Barucci, Lutterius Iannis Guerrerii Giandonati, Marsoppinus Guidi Russi della Tosa, Uguiccio Iannis Filippe della Filippa, Teghiaius Buondelmontis Buondelmonti, Guittone Arlotti Squarciasacchi, Iannis Filiaczi Gianfigliazzi, Trenciavellia Trinciavelli, Ugo Importuni Importuni, Renaldescus Mule del Mula, Ugo Angelotti Fifanti, Corsus Lamberti Lamberti, Arrigus Compagni Arrigucci, Albizus Ruvinosi Sacchetti, Ildibrandinus Cavalcantis Cavalcanti, Baldovinus Ughetti Belloccioli, Uguiccio Buondelmontis Buondelmonti, Ranerius Beringerii Rossi - Iacoppi, Ranerius Baldovini Giudi, Tignosus Lamberti Lamberti, Cingesaccus Sacchetti Sacchetti, Guido Sanguinei Nepotepisci, Guido Guidalotti de Vecchiis Vecchietti, Gottifredus Guidi Russi de Tosa della Tosa, Ardengus Guarnerii Ardinghi, Oderrigus Oderrigi Scotte della Scotta, Nerlus Octavantis Nerli, Sinibaldus Scolarii Scolari, Iacobus Ugolini Nerli Nerli, Russus Fornarii Rossi - Iacoppi, Angelottus de Fante Fifanti, Ildebrandinus Venceguerre Vinciguerri, Ugo Venceguerre Vinciguerri.

 

Gerardo e' padre di Allamanno , di Iacopo Naso , di Aldobrando , di fra Pagano

 

 

Nell'atto del 1176 troviamo Bernardo Adimari

Anno 1173

Robert Davidsohn riporta nel primo volume delle Forschungen un brano tratto da una cronaca pisana allora inedita e conservata nella biblioteca Fabroniana di Pistoia (nr 383, c. 35v). E’ citato un "Bernardo Aldimari" console di Firenze nel 1173.

Anno 1176

Nei Capitoli del comune di Firenze c’è un atto dell’11 dicembre 1176 pubblicato da Pietro Santini (Documenti dell’antica costituzione…, pp. 15-17). Qui compare un Bernardo figlio di Adimaro, console di Firenze. Gli atti raccolti nei capitoli non sono originali, ma copie eseguite nel 1216: spesso i nomi dei consoli si trovano in forme un po’ inconsuete e senza patronimico, non è improbabile che Bernardo non fosse figlio di Adimaro, ma che quello fosse un nome precocemente cognominizzato e scambiato dal copista per patronimico. Infatti, qualche anno dopo, troviamo un Bernardo di Ildebrandino Adimari.

 

In Christi nomine . Breve recordationis refutationis securitatis atque firmitatis atque liberationis pro futuris temporibus ad memoriam habendam vel retinendam , qualiter factum est apud plebem Sancti Marcellini episcopatu Aretino comitatu Florentino , in presentia multorum hominum , quorumdam nomina hic subter leguntur , scilicet Abbatis de Lambarda et Cavalcantis de Larussa , Arloti Squarciasachi et Bernardi filii Adimari et Importuni et Samuelis iudicis Senensium tunc et Alberti similiter .................

 Deve intendersi che forse Bernardo era console anche nel 1176 ?

 

 

Figli di Bernardo sono Uberto e Gianni

Figli di Uberto sono Bellincione,Lutterio, e forse Giannuzzo

Figli di Gianni sono Adimari ,Bernardo , Ruggerio

 

Nell'atto del 1203 troviamo Renerius Adimari

Anno 1201

GIURAMENTO (Pace con Siena )

V. Caleffo Vecchio, 1201 aprile 28, n. 55. Presentiamo qui di seguito gli individui riconosciuti: Iannis Truffetti Fifanti, Beringerius Iacob Rossi - Iacoppi, Ristorus Infangati, Pandolfinus Amidei, Oderrigus Renaldi Amidei, Guido Advocati Avogadi, Preiteguido Fifanti, Brunus Uberti Uberti, Rainerius Uberti Uberti, Iannis Soldanerii Soldanieri, Venceguerra Donati Donati, Dietaiuti Donati Donati, Thedaldus Cantoris Tedaldini, Iannis Bellus Tedaldini, Ubertus Vianensis della Tosa, Latinus Galigarii Galigai, Lutterius Zampe Giugni, Gerardus Aldimarii Adimari, Mannus Albonetti Albonetti, Leone Iannis Guittonis Caponsacchi, Meliorellus Catelani della Tosa, Sitius Sizi, Aliottus Vicedominus Visdomini, Compagnus Arrigucci Soveriis Arrigucci, Brunus iudex, Claritus Pillii Pigli, Mainettus Forensis da Campi, Strocza Strozzi, Meliorellus Prati Migliorelli, Acerbus Falseronis Acerbi, Ildibrandinus nepos Baruccii Barucci, Iannis Fans Fifanti, Attavianus Guidi Russi della Tosa?, Biecus de filiis Fantis Fifanti, Rainerius Bellle della Bella, Gerardus Cipriani Cipriani, Gerardus Caponsacchi Caponsacchi, Aldimari Iannis Leti Cavalcanti, Gerardus Russus de Vicedominis Visdomini, Albertinus Alamanni Porcelli, Burnellinus Burnetti Brunelleschi, Davizus vicedominus della Tosa, comes Arrigus, Iacobus Tornaquinci Tornaquinci, Malpillius Bellincionis Malpilli Malpigli, Iannis Donati Giandonati, Renaldus Abbatis Abati, Iannis Bellisore Donati, Francescus Chiermontesi Chiermontesi, Ranerius Aldimaris Adimari, Ildibrandinus Iannis Ioci Giochi, Importunus Pillii Pigli, Gerardinus Olivieri Vicedomini Visdomini, Simonettus Iannis Vocis de Vicedominis Visdomini, Ubertus Baruccii Barucci, Lutterius Iannis Guerrerii Giandonati, Marsoppinus Guidi Russi della Tosa, Uguiccio Iannis Filippe della Filippa, Teghiaius Buondelmontis Buondelmonti, Guittone Arlotti Squarciasacchi, Iannis Filiaczi Gianfigliazzi, Trenciavellia Trinciavelli, Ugo Importuni Importuni, Renaldescus Mule del Mula, Ugo Angelotti Fifanti, Corsus Lamberti Lamberti, Arrigus Compagni Arrigucci, Albizus Ruvinosi Sacchetti, Ildibrandinus Cavalcantis Cavalcanti, Baldovinus Ughetti Belloccioli, Uguiccio Buondelmontis Buondelmonti, Ranerius Beringerii Rossi - Iacoppi, Ranerius Baldovini Giudi, Tignosus Lamberti Lamberti, Cingesaccus Sacchetti Sacchetti, Guido Sanguinei Nepotepisci, Guido Guidalotti de Vecchiis Vecchietti, Gottifredus Guidi Russi de Tosa della Tosa, Ardengus Guarnerii Ardinghi, Oderrigus Oderrigi Scotte della Scotta, Nerlus Octavantis Nerli, Sinibaldus Scolarii Scolari, Iacobus Ugolini Nerli Nerli, Russus Fornarii Rossi - Iacoppi, Angelottus de Fante Fifanti, Ildebrandinus Venceguerre Vinciguerri, Ugo Venceguerre Vinciguerri.

( dr Enrico Faini Tesi )

 Anno 1203 console

Per il 1203 i documenti riportano i nomi di quindici consoli: Acerbo (Acerbi), Adimari di Gianni Lieti (Cavalcanti), Albertino di Ughetto di Bellocciolo (Belloccioli), Attaviano di Gerardino (Gherardini), Brodario di Sacchetto (Sacchetti), Bruno giudice, Brunellino (Brunelleschi), Cavalcante di Daino, Davizzo di Migliorello della Tosa, Donato Tolomei, Gianni Bellisore di Ubertino Donati, Gianni Soldanieri, Giannibello di Tedaldino del Cantore, Ranieri di Adimaro (Adimari), Sinibaldo di Scolaio da Montebuoni (Scolari). Tra tutti questi i nomi nuovi sono tre: Cavalcante di Daino, Donato Tolomei e Gianni Soldanieri.

( dr Enrico Faini Tesi )

 

Nell'atto del 1202 troviamo Ildebrandinus Adimari iudex

Liber censum del comune di Pistoia

Atto num 18 dr Quinto Santoli

 

Item alla die proxima ,in presentia Uberti Bernardi et Ildibrandini Adimari judicis et aliorum plurium

Uberti Bernardi et Ildibrandini Adimari judicis sono presenti all'atto con cui e' confermato al conte Guido e ai suoi figli che il castrum Montesmurli , con tutti gli uomini di esso e della sua corte rimanga loro

Patto tra i Pistoiesi e il conte Guido

 

E' un atto molto importante

perche' mostra gli Adimari presenti ad un atto dei conti Guidi

perche' testimonia di un Ildibrandino Adimari giudice vivo nel 1207

 

 

 

Nell'atto del 1201 troviamo Cancellerio di Bellone di Lutterio

Figli di Cancellerio sono Lutterio e Buonfantino

 

 

 

 

Questi documenti ci hanno fatto conoscere :

  • Bernardo di Adimaro
  • Ildebrandino di Adimaro
  • Ranieri di Adimaro
  • Gerardo di Adimaro
  • Bellincione di Lutterio

Rimango perplesso dalla distanza temporale tra gli atti riguardanti Bernardo Adimari e quelli riguardanti Ildebrandino , Ranieri ,Gerardo di Adimari che fanno pensare ad un diverso padre con lo stesso nome

 

 

 

 

Elementi di dubbio

 

Dato per acquisito dai documenti dei Nepotecosa l'esistenza di :

Giovanni detto Adimari Nepotecosa

Ildebrandino Adimari Nepotecosa figlio di Giovanni detto Adimaro

 

( I cinque documenti che seguono sono tratti dagli scritti del dr Faini )

Anno 1175

ASF, Diplomatico, normali, San Vigilio di Siena, 1175 febbraio 21 (è il 1176 perché si usa lo stile fiorentino), nel Borgo di porta San Piero.

Morondo e Tosa di Saracino e Adalena moglie di Morondo vendono a Ormannus Ubaldini e a Rainerius Ildebrandi alcune panora di terra posta a Varlungo per il prezzo di soldi 30.

TT Raineri Ildebrandini, Galganus Galigarii, Corbizzo Ubertini Licciadoris

R. Truffus

Anno 1175

ASF, Diplomatico, normali, San Vigilio di Siena, 1175 maggio 4, Firenze.

Dietisalvi qd Giannellini Arzoli e Iohannes figlio danno a livello a Corbizzus Ubertini Licciadoris un pezzo di t a Varlungo per 100 soldi al patto che i concessionari ogni anno portino alla casa di S. Pietro di Varlungo un den di pensione se il rett di quella chiesa lo vorrà ricevere.

TT. Ranieri f Ildebrandini Adimari, Galgani f Galigari, Gottuli.

R. Guerius in

Dai documenti sopra riportati emerge con chiarezza che 1) un Ranieri di Ildebrandino testimonia assieme a Corbizzo di Ubertino Licciadori in un atto che coinvolge terra a Varlungo e che 2) un Ranieri di Ildebrandino Adimari è tra i testimoni di un atto che coinvolge di nuovo terra a Varlungo e Corbizzo di Ubertino Licciadori. Il primo e il secondo Ranieri sono, con ogni probabilità, la stessa persona.

 

anno 1178

ASF, Diplomatico, normali, San Vigilio di Siena, 1178 febbraio 8, Firenze

Deotisalvi f Iannelli Ursoli e Imildina sua moglie vendono a Corbizo f Ubertini Liciadori una terra a Varlungo per 4 lire e mezzo.

TT Gerardi f Ildebrandini, Uberti f Bernardi, Guitti f Ianuculi, Guarneritti f Gregorii

Anno 1187

ASF, Diplomatico, normali, San Vigilio di Siena, 1187 luglio 5, San Salvi (Firenze)

L’abate di Montescalari aquista della terra da Ghiberto abate di San Salvi.

TT. Gerardus Ildebrandini Adimari, Pace del Formica, Angiolinus Gianni, Bellondinus Gerardini.

San Salvi sorge presso la località del suburbio orientale di Firenze detta Varlungo. Nel 1178 un Gerardo di Ildebrandino è testimone in un acquisto del solito Corbizo di Ubertino. Nove anni dopo Gerardo di Ildebrandino Adimari è nuovamente presente in quella zona: come non avvicinare Ranieri di Ildebrandino Adimari, Gerardo di Ildebrandino e Gerardo di Ildebrandino Adimari? Ranieri era probabilmente fratello di Gerardo: avevano stesso padre e stesso nonno, e frequentavano gli stessi posti. ( quell’Uberto di Bernardo potrebbe essere un altro Adimari, )

Anno 1197

ASF, Diplomatico, normali, San Vigilio di Siena, 1197 aprile 30, Firenze, in Oltrarno, in casa di Pegolotto.

Pegolotto Lotteringhi de Monteacuto e Rocca sua moglie vendono a Benedetto abate di Montescalari la metà per indiviso della villa e corte e distretto e poggio detto Casciano per il prezzo di lire 575. Donano inoltre il patronato della chiesa di Santa Margherita a Casciano.

TT. Alberto di Rigolo da Cintoia, Berardo del fu Ildibrandino Adimari, Pandolfinus Amidei, Vinciguerra Ruggeri de Montemassi.

R. Odarrigus i Bartolus in

 NOTA BENE atto riguardante MONTESCALARI

* perche' non Berardo=Gerardo

questo documento va controllato

 

 

Ecco comparire per questi documenti :

 

Berardo del fu Ildibrandino Adimari

Ranieri di Ildebrandino Adimari

Gerardo di Ildebrandino Adimari

 

Cosi sembra tutto quadrare

Bernardo Ildebrandini Adimari

Gherardo Ildebrandini Adimari

Ranieri Ildebrandini Adimari

Quadra il rapporto con Montescalari derivato da Hermellina

 

Rimane pero' da definire le genealogie dei Nepote Cosa o Cosi

Rimane che allo stato attuale non e' possibile escludere un Ildibrandino Adimaringi

Non e' chiaro di chi sono figli Lutterio e l'Adimari padre d'Ildebrandino

E se fosse Berardo=Gerardo

 

 

Gli Adimari all' inizio del secolo XIII possono esser riportati ad alcuni individui :

 

 Cancellerio di Bellincione

 Bernardo Adimari ( ? )

 Bernardo di Ildebrandino Adimari

 Gherardo di Ildebrandino Adimari

 Ranieri di Ildebrandino Adimari

 Ildebrandino di Adimari del 1207 (individuo diverso da Ildibrandino Adimari Nepote Cosa che figura morto gia' nel 1197 )

 

 

 

  Colpisce il legame con Montescalari di Gerardo e Berardo che induce a pensare al legame dei Nepos Cosa con Montescalari

  Non ho documenti che inducano a pensare ad un legame tra gli Adimarigi e Montescalari

  Colpisce la posizione di Santa Maria Nepotecosa all'inizio del corso degli Adimari

  Colpisce il nome di Gianni di uno dei figli di Bernardo (come Giovanni)

 Colpisce l'oscurita delle linee genealogiche dei Cosi

  • Colpisce la presenza di Uberto di Bernardo all'atto del 1178 con Gerardo figlio d'Ildebrandino

 

 

 

 

 Colpisce che esista un Ubaldino Adimari ( il Beato )

 Colpisce il rapporto con i conti Guidi che sembra collegarsi al rapporto degli Adimaringi

 Colpisce terram Adimari

 Colpisce il documento del Rauty dove vengono nominati gli Adimaringi

 Colpisce l'oscurita delle linee genealogiche dei Cosi

  Ildibrandino Adimari padre di Berardo fu nel documento del 1197

 Ildibrandino Adimari dell'atto del 1207

 

 

 

Santa Maria Nepotecosa

 

Dal libro del Davidsohn

Schiarimenti sulla pianta della citta ( autore = )

S.Mariae Nepotecosae ( ricordata per la prima volta nei documenti il 3 aprile 1286 ; Lami Monumenta ... II , 1135. Ma come resulta dal nome ,risale al XII secolo , probabilmente costruita da << Ademarius nepos Cose ( 7 gennaio 1105; Vallombrosa con segnatura 13 gennaio ) il quale appare in documenti del 1105 e 11 marzo 1127 ; Lami Monumenta II , 1016

 

Dal libro "Compagnie e mercanti di Firenze antica " di Armando Sapori la Fondiaria incendio Firenze 1955

Ugo Procacci commenta le illustrazioni e di Santa Maria Nipotecosa dice :

<< La piccola chiesetta di Santa Maria Nipotecosa era nella via dei Calzaiuoli , sull'angolo del Corso , dalla parte della piazza del Duomo; anch'essa ando' profanata e distrutta al tempo delle soppressioni di Pietro Leopoldo . o strano nome ( reso alla latina Nepotumcose )sarebbe derivato secondo quanto attestano gli antichi cronisti , dall'esser stata fondata dagli Adimari ,discendenti ( o nipoti ) dei Cosi, e piu' particolarmente di una monna Cosa di tale famiglia: i documenti hanno poi fatto conoscere anche un " Ademarius npos Cose " che viveva agli inizi del XII secolo.

Questa spiegazione etimologica ( per quanto generalmente accettata ) lascia pero' molto dubbiosi ; piu' probabile sembra invece una derivazione da una parola greca ( risalente al dominio bizantino sulla citta' ) il cui significato , in italiano , sarebbe di partoriente ; aggettivo da riferirsi ( come e' naturale ) alla Madonna . La chiesa fu anche denominata ( ma raramente ) " degli Adimari " , dalla famiglia dei Patroni ; e " del Giglio" , dal canto di tal nome a cui era dirimpetto .

 

 

 

 

Avevamo lasciato gli Adimaringi

con i figli di Adimaro : Bernardo e Ubaldino

con i figli di Ildibrando : nessuno

con i figli di Bonifazio

Con i figli di Alberto

Avevamo lasciato i Nepotecosa

Con i figli di Giovanni detto Adimaro : Ildibrandino

 

 

 

Ci ritroviamo con una serie di individui

  • Bernardo di Adimaro
  • Ildebrandino di Adimaro
  • Ranieri di Adimaro
  • Gerardo di Adimaro
  • Bellincione di Lutterio

 

  • Berardo del fu Ildibrandino Adimari ( ? )
  • Ranieri di Ildebrandino Adimari
  • Gerardo di Ildebrandino Adimari

 

Con la tesi che la dove si dice Adimari si sia in presenza di una precoce cognomizzazione e quindi

Bernardo Adimari trattarsi di Bernardo di Ildebrandino di Adimari

Gerardo Adimari trattarsi di gerardo di Ildebrandino di Adimari

Ranieri Adimari trattarsi di Bernardo di Ildebrandino di Adimari

 

ma senza spiegare perche' nell'atto del 1203 compaiano

Bellincionis Uberti ,

Alamanni Gerardi Adimari ,

Adimari Ianni Bernardi ,

Ildebrandinus Adimari iudex

Cacellieri (?)

 

E qui non non vedo come si possa parlare di precoce cognomizzazione , visto che se cosi fosse dovrebbe valere per tutti

 

Nel campo delle ipotesi perche' non potrebbe esser valido uno schema genealogico come questo ?

 

il Beato Ubaldo Adimari nasce intorno al 1220

Quindi il nome Ubaldo e' presente tra i nomi degli Adimari

Come in seguito Baldinaccio

 

 

Castellani

1201

Castello di Montegrossoli

Ugolino dello Scolaio dei Buondelmonti

1203

Castello di Montegrossoli

Renaldeschus (? Rinaldesco del Mula del fu Arrigo Boccatonda

1204

Castello di Montegrossoli

Gianni di Bernardo degli Adimari

 

Colle val d'Elsa

Struffaldo di Bellincione dei Malpigli

1204

Castellano del Mugello

Catalano (? Catalano di Migliorello della Tosa

 

 

 

 

 

 

 

 ......................................

 

 

 

 

 

La tradizione cronicistica

propende per un origine cittadina degli Adimari

 

 

Malispini Ricordano Storia fiorentina

……………….I Cosi furono antichi , e feciono santa Maria Nipoticosa che e' nella via degli Adimari e, furono colloro consorti di ceppo anticamente

………………..In porta rossa si puosono i Cosi consorti ab antico degli Adimari di linea mascolina , e feciono fare santa Maria Nipotecosa che ancora oggi ritiene il nome

-------------------Poi a ritornare verso mercato vecchio si puosono gli Adimari

(Delle torri )……………. piu' oltre e inverso porta rossa n'aueano i Cosi ………… in porta san Piero gli Adimari

 

Nuova cronica di Giovanni Villani

Dice degli Adimari

……………..e il legnaggio degli Adimari i quali furono stratti di casa i Cosi, che oggi abitano in Porta Rossa, e Santa Maria Nipotecosa feciono eglino; e bene che sieno oggi il maggiore legnaggio di quello sesto e di Firenze, non furono però in quelli tempi de' più antichi.

 

 

 La tradizione fiorentina (G.Villani, Nuova Cronica cit., Libro V, cap. XI, 20 - 21) ha sempre identificato il gruppo familiare dei Nepotecose, fondatori della demolita chiesa di Santa Maria (che si trovava lungo l’attuale via Calzaioli), come un ramo degli Adimari.

 

 ........e bene che sieno oggi il maggiore legnaggio di quello sesto e di Firenze, non furono però in quelli tempi de' più antichi.

 

 

Per quanto riguarda la chiesa di Santa Maria Nepotecosa sembra che il nome non derivasse originariamente dai Nepotecosa ma fosse la storpiatura di un nome bizantino e che in origine significasse Santa Maria partoriente

Monna Cosa

 

 

Dante Alighieri : Divina Commedia (Paradiso canto XVI )

 

L'oltracotata schiatta che s'indraca

dietro a chi fugge, e a chi mostra 'l dente

o ver la borsa, com'agnel si placa,

già venìa sù, ma di picciola gente;

sì che non piacque ad Ubertin Donato

che poï il suocero il fé lor parente.

 Dante considera questa "Oltracotata schiatta " di umili origini, cosicché ritiene sia sta un'onta per Ubertino Donati, che aveva sposato una figlia di Bellincione Berti dei Ravignani, l'essersi imparentato, per il matrimonio di una sorella della moglie' con l'oltracotata schiatta.

 

E' da notare :

 Dante non parla espressamente di Adimari

 l'Alighieri non e' fonte storica completamente attendibile (vedi grossolano errore cronologico sul suo antenato Cacciaguida )

 Gli Adimari nelle lotte di fine secolo si erano spezzati in Bianchi e in Neri , i Bellincioni in particolare per la parte Bianca ( la stessa fazione di Dante ) e i Cavicciuli per la parte Nera . Per comprendere appieno la violenza dello sdegno che si abbatte sugli Adimari (cfr. anche Inferno VIII, 31,63), occorre ricordare che un membro di questa famiglia, Boccaccino dei Cavicciuli Adimari , chiese ed ottenne dal comune fiorentino che i beni di Dante, già condannato all'esilio, fossero tutti confiscati. Lo sdegno di Dante travolge cosi anche Tegghiaio Aldobrandi degli Adimari , che era considerato una gloria di Firenze , accusato di sodomia (accusa che gli viene dal solo Dante ) e Filippo Argenti (Adimari )

 

L'identificazione degli Adimari con la "oltracotata schiatta " e' dovuta a Benvenuto da Imola (1330c. -1387c.) e' stata successivamente quasi universalmente accettata

Benvenuto da Imola (1330c. -1387c.)

L'opera di Benvenuto da Imola (1330c. -1387c.) testimonia il cospicuo livello raggiunto a metà del trecento in Emilia dal primo Umanesimo e dalla cultura toscana. Benvenuto compì i suoi primi studi alla scuola gestita privatamente dal padre notaio in tema di grammatica ed elementi di diritto. Nel 1361- 62 al seguito del Governatore Gomez Albornoz è a Bologna, ove scrive il Romuleon (compendio di storia romana) e si afferma quale privato lettore di auctores latini, classici (Virgilio, Lucano) e moderni (Petrarca). Agli anni bolognesi risale l'impostazione del suo capolavoro: Commentum super Dantem, poi rielaborato a più riprese sin verso il 1383 e che gode a tutt'oggi enorme prestigio per finezza d'analisi e d'intuizione. Il suo latino medievale e scolastico lo mostra peraltro ancora legato allo spirito pre-umanistico. Benvenuto opera, tra l'altro, il confronto fra Petrarca (che conobbe personalmente ed esaltò umanisticamente in quanto copiosior in dicendo ) e Dante (maior poeta perché seppe riunire tragedia, satira e commedia). A causa di certe rivalità professionali Benvenuto fu costretto a trascorrere l'ultima parte della sua vita sotto la protezione di Niccolò II d'Este a Ferrara, ove completò e sviluppò anche vari commenti a Virgilio, Lucano e Seneca. Compose altresì l'Augustalis libellus, rassegna di imperatori da Giulio Cesare a Venceslao (poi proseguita sino a Massimiliano da Enea Silvio Piccolomini). A Ferrara lesse pubblicamente Valerio Massimo e si affermò definitivamente quale une delle figure di maggior spicco del primo Umanesimo trecentesco.

 

Nella "Enciclopedia dantesca " di G.A. Scartazzini Milano 1896 pagina 30 : Lord Vernon contesta l'individuazione di Benvenuto da Imola (Fiumi)

 

 

 

 

Rimane la considerazione che a dar retta alle cronache esistevano sia gli Adimari che i Nepotecosa ed erano parenti .

Nella tesi del dr Faini gli Adimari discendono da Ildebrandino di Adimaro Nepotecosa figlio di Giovanni detto Adimaro e nipote di Milone

I Nepotecosa dovrebbero discendere da un figlio che non compare dai documenti in quanto Bernardo sembra morire senza discendenza

Non e' molto chiaro come !

 

 A questo punto ritengo fondamentale tracciare le linee genealogiche dei Cosi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Libro di Montaperti

 

Dominus Teglarius Aldobrandi sexstus Porte Sancti Petri Capitaneus pag 1 pag 42 pg 43 pg 62 pg 71 pg 80

Dominus Bindus Alamanni sexstus PORTE domus distrigitores pag 3 pg 51 pg 52 pg 57 pg 58 pg 64 electi per Capitaneos exercitus dicto die

Dominus Bindus Alamanni de Adimaris pg 124 pg 175

Dominus Forese domini Bonaccursi Bellincionis sextus PORTE Sancti Petri distringitores pag 3 pg 116 pg 155 electi per Capitaneos exercitus dicto die

 Teghiuczus f quondam domini Gherardi Aldobrandi de Adimaris distringitores et consiliarii electi pag 5

? Corsus del Forese populi Sancte Marie Maioris ? pag 9 sextus Porte Domus

Rogerius Rossus populi Sancte Trinitatis Sextus Burgi

 Iacobi Gherardi pg 71 pg 80

 Aldobrandino Bellincionis pg 86 pg 104

Dominus Manfredi de Adimaribus Porte Sancti Petri pg 87 capitaneos exercitus

? dominus Stoldus Beringhieri Iacoppi pg 91 ?

domino Uberto de Adimaris capitaneo Montismurli pg 96

? dominus Tanus Rogerini pg 97 ? pg 104 pg 105 pg 106

dominus Bernardus Ianni Bernardi pg 97

? gherardus quondam Pepi de populo Sancte Felicitatis ? pg 107

Alamannus qui Farina vocatur f.domini Pepi

Farina quondam domini Pepi Alamanni pg 134 146 157

Ademari f. quondam domini Iacobi Nasi populi sancte Marie Nepotecose pg 126

Adimari qui Mari dicitur quondam domini Iacopi Nasi de Adimaris pg 153

? donatus f. domini Adimari populi Sanste Marie Alberichi ? pg 127

? Corsus Aldobrandi ? pg 128

? Manfredi notarius f. Gerardi populi Sancti Remigii ? pg 134 163

dominus Aldobrandinus Squarascia de Adimaris pg 159

ubertus quondam domini Gerardi de Vicedominis pg 161 162

? bernardus f.quondam domini Aldobrandini populi Sancte Marie Nepotecose ?

 

Die veneris xxiij iulii

Pro ecclesia Sancti Bartholi de Cintoia ,staria xij , promisit presbiter Cancellerius custos dicte ecclesie; et Adimari qui Mari dicitur quondam domini Iacopi Nasi de Adimaris

 

Die lune XVJ augusti

Pro plebe Sancti Petri ad Sieve cum ecclesiis sui plebatus, modios ij, promisit dominus Forese domini Bonaccursi Bellincionis, emancipatus per scripturam manu Diemidiedi notarii

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Scegli la pagina   …………………VAI ALL'INDICE GENERALE

 

 

 

 

vai inizio pagina

  ing. Pierluigi Carnesecchi La Spezia anno 2003